domenica 16 gennaio 2011

Patty Pravo Contro il Gay Pride, Lancia Unisono come Singolo Pre-Sanremo


La comunità gay tutta è già pronta ad ammirarla ancora una volta sul palco dell'Ariston dopo l'annuncio a sorpresa della sua partecipazione all'ormai prossimo festival di Sanremo in qualità di concorrente, con un brano che già si preannuncia come un piccolo grande capolavoro. Ma la stessa comunità gay dovrebbe magari iniziare un attimo a rivalutare il valore di un personaggio particolare come Patty Pravo, non tanto per la sua lucidità, ma stata effettivamente il suo forte, ma se non altro per le ultime recenti scioccanti dichiarazioni. L'ex-ragazza del Piper ha infatti candidamente dichiarato come, pur rispettando la libertà di tutti, che si sente infastidita dalle orde di gay che invadono le strade ogni anno per dei festosi gay pride, facendo valere i propri diritti, come se per lei non ci fosse bisogno di manifestazioni del genere per far sentire la propria voce. Aggiunge la Pravo di non essere interessata a questo tipo di eventi, come se quando dovesse presentarsi lei fosse costretta a dire "Piacere, Patty Pravo, etero", dimostrando ancora una volta come in un ambiente borghese più o meno omofobo, la sindrome del don't ask don't tell sia ancora largamente diffusa. Se a raccontare queste tristi realtà fosse un politico di destra, ormai non ci stupiremmo più, ma quando simili affermazioni provengono da un'artista che ha fatto la sua fortuna ed ormai vive quasi esclusivamente sull'intero mondo omosessuale, allora le scatole iniziano seriamente a girare. Intanto la Strambelli tenta ancora di accalorare il suo pubblico con un'uscita a sorpresa, un mese prima della sua partecipazione a Sanremo, pubblicando Unisono, il primo singolo del nuovo album, scritta per lei da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro: qui sotto potrete ascoltarla.


2 commenti:

  1. Bravissima cantante e persona!

    RispondiElimina
  2. Io non sono un suo ammiratore, e notizie come queste mi fanno incazzare alla grande.
    Artisti che fanno la loro fortuna gran parte grazie a moltitudini di fans gay, non possono fare affermazioni simili. Al limite che lo pensino, in privato senza dirlo.
    Spero che i gays boicottino i suoi prossimi cd. Iniziamo a punire questi falsi gay-friendly.

    RispondiElimina