mercoledì 16 giugno 2010

Aggressione alla Coppia Gay di Padova, Preso un Ultras


Dopo Roma, a quanto pare non solo capitale italiana ma anche regina di episodi legati all'odio omofobico, anche una città del nord come Padova è stata, come saprete, coinvolta in un triste evento di disprezzo contro i gay, situazione che ha visto vittime due giovani ragazzi. Matteo ed Enrico, entrambi intorno ai 30 anni stavano semplicemente facendo una passeggiata notturna abbracciati, ma passare davanti ad un bar a quell'ora ancora ospitante alcune persone è stato molto deleterio visto che alcuni uomini ad un tavolino hanno iniziato a prenderli in giro. "Oltre che merde, ovvero comunisti, siete anche froci", queste le parole ripetute più volte da uno degli uomini che, ad un semplice cenno verbale di resistenza da parte della coppia gay si è sentito pronto a sferrare pugni e calci ai poveri ragazzi. Chiamare la polizia, che purtroppo è arrivata quando gli omofobi avevano già abbandonato il bar, è stato il primo pensiero dei due giovani omosessuali che hanno denunciato gli aggressori dopo aver subito furiosi maltrattamenti che hanno comunque fatto meno male rispetto all'idea di odio che hanno provato nei propri confronti. La polizia ha recentemente fermato tre ultras padovani appartenenti alle frange più estremiste ritenuti i protagonisti della triste vicenda: uno di loro ha ammesso di aver agito semplicemente perchè fosse ubriaco, nonostante si trattasse di un volto noto alla polizia per precedenti atteggiamenti violenti legati al regno degli ultras. Si spera che episodi come questo non accadano davvero più e che i responsabili ricevano la giusta pena per aver infastidito, molestato, umiliato e picchiato, due semplici persone che si amano, nonostante l'informazione pubblica abbia taciuto la notizia, lanciando l'SOS soltanto attraverso il TG3

1 commento: